Breaking
Mer. Feb 28th, 2024

Ecco perché dopo 20 anni l’Italia ha ancora bisogno del suo Don Matteo Torna il prete più amato della televisione, interpretato dall’eterno Terence Hill. Scopriamo anticipazioni e ingredienti di una delle fiction più amate della televisione italiana.

Gen 8, 2020

Con Netflix, Sky, Amazon Prime Video, Infinity, TimVision, AppleTv+, ormai l’offerta televisiva è diventata immensa e scegliere qualcosa di proprio gradimento è sempre più facile e difficile allo stesso tempo. Tuttavia, c’è un prodotto anni luce lontano dalle complesse serie tv americane o delle nostre acclamate serie tv di SKY come ad esempio “Gomorra”: parliamo di “Don Matteo”. La ricetta è molto semplice: prendete un prete, dategli una bicicletta, delle spiccate doti da detective, mettetelo in una piccola cittadina umbra dove raramente succede qualcosa di eclatante, trasformatelo nel luogo più pericoloso del mondo e avrete una delle fiction più longeve della televisione italiana. La puntata conclusiva dell’undicesima stagione di “Don Matteo” ha registrato più di 6 milioni e mezzo di telespettatori ed uno share del 30.18%. Numeri importanti per una fiction che dura ormai da 20 anni, era infatti il 7 gennaio del 2000 quando il prete più amato dagli italiani faceva il suo debutto su Rai Uno. Da giovedì 9 gennaio Don Matteo tornerà, forse per l’ultima volta, con dieci nuovi episodi.


Ma come fa un prodotto così semplice, spesso un po’ scontato, politically correct a essere così amato dopo tutto questo tempo?

• IL CAST

Uno dei motivi di questo straordinario successo è sicuramente il cast. Fondamentali le due colonne portanti della fiction, Terence Hill e Nino Frassica, il primo, attore immenso che, dopo il passato tra scazzottate con Bud Spencer, ha deciso di indossare le nuove e convincenti vesti ecclesiastiche unendole a delle spiccate doti da detective; l’altro, invece, maestro dell’improvvisazione che aggiunge un tocco comico alle vicende. Ma, oltre a Hill e Frassica non bisogna dimenticare sia il collaudato cast sia le new entry di ogni stagione che hanno contribuito a continuare un ciclo vincente e a sostituire degnamente i membri in uscita.

• RASSICURANTE E RILASSANTE

Dopo vent’anni un profondo legame unisce i telespettatori a “Don Matteo”, che è ormai diventato quasi un membro di ogni famiglia italiana. Qualche mese fa abbiamo chiesto a Giulia Fiume, la Rita dell’undicesima stagione, quale fosse il segreto del successo della fiction. L’attrice ha risposto che riesce ad avere un effetto rassicurante e rilassante per la gente. E cosa c’è di meglio di due ore di relax dopo una giornata stancante? Chi guarda la fiction è consapevole di non assistere a un prodotto adrenalinico e impegnativo da seguire, ma è proprio questo uno dei punti di forza della serie. Perché se da un lato è indubbio che la televisione italiana abbia bisogno di prodotti freschi e innovativi, non bisogna dimenticare che “Don Matteo” è un prodotto semplice, genuino e che ha saputo conquistare ogni stagione milioni di italiani. E se, come si vocifera, la dodicesima sarà l’ultima stagione sarà davvero difficile dirgli addio.

E cosa dobbiamo aspettarci dalle nuove puntate?

• LE ANTICIPAZIONI

Pericolo in vista per Don Matteo, nelle nuove puntate il prete infatti sarà vittima di una sparatoria. È questa l’anticipazione più significativa che riguarderà la dodicesima stagione. Confermati i personaggi di Anna (Maria Chiara Giannetta) e Marco (Maurizio Lastrico), in odore di nozze ma che vedono il loro amore minacciato da un nuovo arrivo. Non ci sarà invece Rita (Giulia Fiume), mentre la figlia Sofia (Mariasole Pollio) farà amicizia con Jordy, un ragazzo vittima di bullismo. Tante le guest star: da Elena Sofia Ricci a Fabio Rovazzi, da Stefano Dionisi ai The Jackal e ci saranno anche dei ritorni.

• SARÀ L’ULTIMA STAGIONE?

Riguardo un presunto addio a “Don Matteo” giungono notizie discordanti. Terence Hill ha dichiarato che la fiction potrebbe andare avanti all’infinito. Anche Simona Di Bella, interprete di Assuntina, ha annunciato ai nostri microfoni che, per quanto riguarda i membri del cast, c’è la volontà di andare avanti, tuttavia la dodicesima stagione sembra essere proprio l’atto conclusivo della serie, come confermato anche da Simone Montedoro che tornerà nella terza puntata a vestire i panni di Giulio Tommasi. Nonostante ciò, le speranze di tenere in vita “Don Matteo” restano perché, si sa, le vie di “Don Matteo” sono infinite…

Di Francesco Sciortino

By lavocedelloschermo

Francesco Sciortino, giornalista pubblicista dal 2014, appassionato di serie tv, cinema e doppiaggio. In passato cofondatore della testata online “Ed è subito serial”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi