Breaking
Lun. Lug 22nd, 2024

Massimo De Lorenzo: “Vi presento ‘Liberi Tutti’, la nuova serie degli autori di Boris” L’attore, membro storico del cast di ‘Boris’ e ammirato in queste settimane in ‘Oltre la soglia’, presenta la nuova serie di RaiPlay.

Dic 15, 2019

È online da sabato 14 dicembre “Liberi Tutti”, la prima serie prodotta per la piattaforma digitale RaiPlay che porta la firma di Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo, autori di “Boris” assieme al compianto Mattia Torre. La serie racconta le vicende di Michele (Giorgio Tirabassi), un cinico avvocato costretto agli arresti domiciliari nel cohousing gestito dall’ex moglie (Anita Caprioli). La voce dello schermo ha ritrovato Massimo De Lorenzo che ha presentato il suo Giovanni, uno dei cohouser, ha confidato il suo stato d’animo nel ritrovare i due autori di “Boris” e parlato di “Oltre la soglia”, serie in cui interpreta Achille Loreto che si concluderà martedì 17 dicembre e che secondo l’attore meriterebbe una seconda stagione…

Da sabato 14 dicembre su RaiPlay ti stiamo vedendo in “Liberi Tutti”. Presentaci un po’ la serie e il tuo personaggio…

“Liberi tutti” è la nuova serie di Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo (autori insieme a Mattia Torre della serie “Boris”). È la prima serie prodotta per la piattaforma digitale RaiPlay. Racconta di un avvocato cinico e senza scrupoli condannato agli arresti domiciliari in un cohousing, un modello di coabitazione solidale ed ecosostenibile. Io interpreto Giovanni, uno dei cohouser, sposato con Martina (Caterina Guzzanti). Il loro amore è nato in quel posto. Li vediamo sempre in coppia, sempre innamorati, a volte anche troppo.

Quali sono gli aspetti che hai amato di più dell’interpretarlo?

Giovanni è un buono, a volte rigido, innamorato di Martina ma sono una di quelle coppie che hanno bisogno di punzecchiarsi, di provocarsi, a volte anche di lasciarsi per poi fare pace… e fare l’amore. Lo fanno spesso e a volte in momenti improbabili.

Hai qualche aneddoto curioso dal set che vorresti condividere con i lettori?

È stato un set molto divertente, intenso, per tutti. Merito questo della regia, della produzione e della location (una tenuta agricola fuori dal GRA dove abbiamo praticamente trascorso tutta l’estate). Non ho aneddoti particolari, forse perché ogni giornata era unica. Capitava a volte che gli attori, pur avendo finito le loro scene, chiedevano di rimanere con noi… ma chissà, forse era solo per il catering…

Com’è stato ritrovare Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo dopo gli anni di “Boris”?

Giacomo e Luca sono miei fratelli. Ci si vede comunque quasi tutti i giorni. In questo caso mi hanno coinvolto nella scrittura e poi nel dargli una mano alla regia. È stata per me un’esperienza straordinaria, ho imparato tanto.

Che aspettative devono avere gli spettatori riguardo la serie e quali sono secondo te i motivi per cui dovrebbero guardarla?

È venuto fuori un prodotto molto gradevole, spesso comico. Non è ‘Boris’, è un’altra cosa. Certo l’umorismo nasce dalle stesse teste ma per certi versi lo definirei un prodotto più maturo. Credo vada vista proprio per il suo essere puro intrattenimento mai banale, mai superficiale. Una comicità intelligente e stimolante. Al di là delle tematiche che vengono affrontate. Vedete e condividete!

In queste settimane ti abbiamo visto in “Oltre la soglia”. Com’è stato per te interpretare Achille Loreto? Ci sarà una seconda stagione?

“Oltre la soglia” è stata per me l’occasione di conoscere un’attrice brava e simpatica come Gabriella Pession e due registi strepitosi (Monica Vullo e Riccardo Mosca). Non so dire sulla seconda stagione. Spero di sì, il progetto lo meriterebbe.

Ci sono altri progetti che vorresti presentarci dove ti vedremo prossimamente?

Ho appena girato un piccolo film, opera prima di Samuele Rossi, si chiama “Glassboy”. Un fantasy per ragazzi (mi sembrava di girare “I Goonies”). Spero possiate vederlo presto. Inoltre mi sto dedicando alla scrittura. Da quest’estate la mia vita è cambiata.

 

Di Francesco Sciortino

By lavocedelloschermo

Francesco Sciortino, giornalista pubblicista dal 2014, appassionato di serie tv, cinema e doppiaggio. In passato cofondatore della testata online “Ed è subito serial”.

You Missed

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi