Breaking
Dom. Feb 25th, 2024

È morto Luke Perry. Il ricordo de “La voce dello schermo” L’attore, reso celebre dall’iconico personaggio di Dylan McKay, stroncato da un ictus all’età di 52 anni.

Mar 4, 2019

Luke Perry non ce l’ha fatta. L’attore 52enne, reso celebre dal personaggio di Dylan McKay in “Beverly Hills, 90210” e di Fred Andrews nella più recente “Riverdale”, non è sopravvissuto all’ictus che lo ha colpito mercoledì. La notizia ha lasciato profonda tristezza nei cuori della generazione cresciuta negli anni 90’ e che ha visto in Dylan come un simbolo delle serie tv, un po’ come lo è Fonzie di “Happy Days”. Difficile trovare, infatti, un personaggio più iconico di lui. McKay rappresentava il ribelle in lotta con il mondo, in conflitto con il padre, continuamente indeciso tra Brenda e Kelly e amico fraterno di Brandon. Era un po’ un ragazzo in cui si identificava chiunque fosse legato alla serie e che chiunque amava. Le sue tormentate vicende hanno reso indimenticabili le storie dei ragazzi di Beverly Hills e hanno reso Luke Perry un attore immortale per come ha saputo conquistare il pubblico. La notizia è resa ancora più amara dopo l’annuncio di pochi giorni fa riguardo il ritorno di “Beverly Hills, 90210”, previsto per l’estate. Purtroppo il destino con Luke non è stato benevolo, così come non lo era stato con Dylan. Abbiamo sempre parlato in questo spazio di “voce dello schermo”, in questo caso potete capire un po’ di cosa si tratta sentendo quel profondo senso di tristezza che ha lasciato la scomparsa di Luke. Abbiamo allora deciso di fare parlare lo schermo con cinque scene che hanno visto il personaggio di Dylan protagonista, a cominciare dall’indimenticata sigla di “Beverly Hills, 90210”. Ciao Dylan, ci mancherai.

1. La sigla:

2. Il bacio tra Brenda e Dylan:

3. Brenda e Dylan si riavvicinano:

4. Brenda e Dylan – Losing my religion:

5. Il matrimonio di Dylan:

 

Di Francesco Sciortino

By lavocedelloschermo

Francesco Sciortino, giornalista pubblicista dal 2014, appassionato di serie tv, cinema e doppiaggio. In passato cofondatore della testata online “Ed è subito serial”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi